Gli ospiti di Stranimondi 2019

Anders Fager

Anders Fager

Anders Fager (nato a Stoccolma nel 1964) è uno scrittore horror svedese. Dopo una carriera come ufficiale dell'esercito e game designer, ha debuttato nel 2009 con la raccolta di racconti Svenska kulter (Culti svedesi) recensita molto favorevolmente sul quotidiano svedese Dagens Nyheter, cui hanno fatto seguito Artöverskridande Förbindelser (Interspecies Liaisons) e Du kan inte leva (You cannot live) a formare la trilogia lovecraftiana dei Collected Swedish Cults. Fager scrive un moderno horror urbano in uno stile che ha ripetutamente descritto come "cosa succederebbe se James Ellroy incontrasse H.P. Lovecraft”. Ambientate nell'odierna Svezia, le sue storie interconnesse formano una parte moderna del mito di Cthulhu con apparizioni di entità come Dagon, Hastur e Nyarlathotep. Il mondo immaginario di Fager, noto come "The Cult's World", è stato trasformato in un gioco di ruolo e in un graphic novel. Scrittore a tempo pieno, alcune sue storie sono state trasposte nel gioco di ruolo Call of Cthulhu. Altre sue opere comprendono giochi di ruolo, un libro per bambini e sceneggiature per cinema e TV. Il suo romanzo del 2015 Kaknäs Last Tape è ambientato nel mondo postapocalittico del gioco di ruolo Mutant - Year Zero. Fager ha lavorato con tra gli altri con gli editori Storytell e White Wolf. Al di fuori della Svezia, Fager è stato finora pubblicato in Finlandia e soprattutto in Francia con le raccolte Les Furies di Borås e La Reine en Jaune, con cui è stato finalista al Grand Prix de l'Imaginaire. Una versione cinematografica di Collected Swedish Cults è stata realizzati dai registi Måns Mårlind e Björn Stein. A Stranimondi 2019 Fager presenterà la versione italiana di Svenska kulter, tradotta da Fulvio Ferrari, edita da Edizioni Hypnos. Foto di Bengt Oberger.

Facebook Wikipedia Sito personale

Tutti gli ospiti di Stranimondi 2019

A cura di Associazione Delos Books, partita iva 04029050962
Questo sito non usa cookie e non richiede o memorizza alcun dato personale.